Home ATTUALITA’ L’università cambia appalto: così 148 tra portieri e ausiliari rischiano tagli e...

L’università cambia appalto: così 148 tra portieri e ausiliari rischiano tagli e licenziamento

22
0

Stato di agitazione tra i lavoratori di Roma Tre: gran parte appartengono a categorie “svantaggiate”. La FpCgil: “Ateneo difenda livelli occupazionali e retributivi”.

è stato di agitazione all’Università Roma Tre, ma questa volta a protestare non sono gli studenti bensì le lavoratrici e i lavoratori che svolgono servizi di portierato, prima accoglienza, servizi ausiliari, facchinaggio, manutenzione degli edifici, degli arredi e del verde e che, con il cambio appalto dei servizi esternalizzati, rischiano tagli e licenziamenti. Sono 148 in tutto.

Università Roma Tre: 148 lavoratori a rischio tagli e licenziamento

A fine luglio l’Ateneo ha pubblicato il bando dei “Servizi integrati di gestione del patrimonio immobiliare di Ateneo 2021-2027”, con inizio dal prossimo 1 ottobre. Il tempo dunque stringe. “La maggiore preoccupazione viene dalla lettura del Capitolato Speciale d’Appalto: la clausola sociale che dispone l’impegno da parte dell’aggiudicatario del bando a garantire gli attuali livelli occupazionali, le condizioni contrattuali e i trattamenti economici in essere, comprensivi di quelli derivanti dagli accordi di secondo livello stipulati dalla FP-CGIL (14° mensilità e Buoni-pasto) – sottolinea la Fp Cgil Roma e Lazio – viene subordinata alla compatibilità con la organizzazione di impresa dell’impresa aggiudicataria e al principio di libera iniziativa imprenditoriale e di concorrenza, come richiamato dalle Linee guida dell’ANAC. Sono pertanto – fa notare la Cgil – messi a serio rischio  la riassunzione di tutte e tutti, l’applicazione del CCNL delle cooperative sociali, il mantenimento dell’attuale inquadramento contrattuale e gli scatti di anzianità, oltre ovviamente a 14° mensilità e buoni-pasto”. 

Per ausiliari e portieri rischio tagli alla retribuzione

A preoccupare il sindacato è anche la dichiarazione che i servizi in appalto sono sensibilmente differenti rispetto all’appalto precedente, “mettendo così in mora l’applicazione dell’art. 37 del CCNL cooperative sociali e la definizione ‘fiduciaria’ del servizio di portineria fa pensare a un possibile inquadramento nel CCNL ‘Servizi Fiduciari’ i cui livelli retributivi sono ben al di sotto dell’attuale salario percepito dai lavoratori”.

Roma Tre: a rischio lavoratori delle categorie “svantaggiate”

Una platea, quella delle lavoratrici e dei lavoratori impiegati nel servizio di portineria e prima accoglienza a Roma tre, che per un 60% appartiene alle cosiddette categorie “svantaggiate” (ai sensi dell’art. 4 della L. 381/91): invalidi fisici, psico-sensoriali, ex detenuti e detenuti a lunga pena ammessi al lavoro esterno: una realtà, ormai da oltre 20 anni, di proficua e riuscita integrazione socio-lavorativa resa possibile dall’applicazione del CCNL cooperative sociali. “Sono lavoratrici e lavoratori che necessitano di un ambito contrattuale adeguato e che permetta l’interlocuzione con le ASL e i Servizi territoriali per l’adozione di specifici programmi di recupero, accompagnamento, tutoraggio e per l’autonomia”. 

Fonte: RomaToday